fbpx

"La nostra missione è far aumentare la consapevolezza della sicurezza"

 

Forniamo consulenza per la tua azienda con il fine di aumentare la sicurezza. Analizziamo insieme la tua struttura, sistemi di sicurezza attiva ed informatici e ti aiutiamo a redigere le security policies e ti aiutiamo alla formazione del personale. 

Per una consulenza .

Seguici sui Social Network più famosi


Ogni lunedì un articolo sul mondo della sicurezza


Pagina istituzionale dell’azienda sul social
network professionale
di riferimento.
Ogni settimana un aggiornamento



Ogni settimana novità dal mondo della sicurezza
ed una
Community in continua crescita


La sicurezza attraverso le immagini


Scegli il social network che più ti piace e
comincia ad informarti sulla sicurezza! 

 

Una comunità in crescita di persone curiose
riguardo il mondo della sicurezza.
Un gruppo dove la sicurezza è di casa.

Iscriviti alla Community della Sicurezza

Furti di identità: quali rischi per la privacy


Sembra che ogni giorno ce ne sia una nuova, ed è così. Ma la “notizia” di oggi è in rete da un bel po’ e ne avevamo parlato qualche tempo addietro. 

I furti di identità sembrano cose da film. Facciamo fatica anche ad immaginare come potrebbe essere impersonare un’altra persona, sapere le sue abitudini o dove abita. Questo però è il minimo che potrebbe succedere. L’hacker potrebbe utilizzare queste informazioni per commettere dei reati e lasciare le nostre informazioni, potrebbe registrarsi a vari siti web malevoli con i nostri dati (per esempio su Facebook) e poi contattare i nostri amici spacciandosi per noi ed interagire con persone ignare.
Insomma non è una bella prospettiva. 

Al momento è un problema molto sentito, ne hanno parlato molto in tv sui giornali ed i blogger si sono infuocati. Ed hanno ragione! Il pericolo è grande, chi dice che “non ha nulla da nascondere, che possono fare con i miei dati” ecc, non ha capito la gravità del problema.

Come fanno a rubarci l’identità? 

Beh i modi sono tanti, furbi e fanno leva su tre fattori psicologici:
1. la paura
2. la gioia del regalo
3. il sesso 

Quando fanno leva sulla paura? Per esempio quando arriva una mail da un fantomatico avvocato o dalla banca che segnala un problema. In entrambi i casi si richiede di cliccare su un link ed inserire i propri dati per continuare. 
Nel caso dell’avvocato si parla di una fattura da saldare e nel caso della banca di una comunicazione molto importante. Ecco il fattore paura. 

Invece per sfruttare la gioia spesso vediamo un pop-up (finestra che si apre di colpo davanti ai nostri occhi) dove ci viene comunicato che siamo stati scelti per vincere un nuovo smartphone e che quindi dobbiamo inserire i nostri dati (incluso l’indirizzo e la carta di credito) per ricevere il regalo. E non solo non riceviamo il regalo ma ci svuotano la carta! 

Per sfruttare il sesso come calamita si usano dei pop-up o delle email dove delle signorine avvenenti ci invitano a contattarle per momenti di puro piacere. E chiedono i nostri dati (altrimenti come ci possono contattare? Ma non sanno già la mail?) e qui scatta la fregatura come sopra. Ovviamente il bersaglio di questi contatti ingannevoli sono gli uomini frustrati. 

 

I metodi sono quindi diversi ed usano una leva psicologica ben collaudata. Ma come possiamo difenderci? Perché dobbiamo avere paura?

Innanzitutto bisogna prestare attenzione al mittente delle email e dei messaggi, al link del sito web visualizzato sulla barra del browser e bisogna innanzitutto porsi una domanda: ho mai avuto a che fare con questa banca? Oppure con quell’avvocato. A volte già basta porsi questa domanda per capire che dietro c’è una truffa. 

 

Il punto importante è: bisogna avere paura di un furto del genere? La risposta è SI

Basta pensare ai fastidi che ci posso creare come per esempio registrarci su siti web porno o nel dark web oppure in siti web di pedofilia. Ecco, già basta questo a doverci far riflettere e prestare molta più attenzione ai click che facciamo ed alle nostre informazioni. 

 

Condividi l’articolo selezionando il social che preferisci:

 

Articoli recenti del Blog

Un “punto” a favore della privacy in iOS

Leggi di più

Serendipity: cerchi la sicurezza ma… la trovi?

Leggi di più

Il futuro della comunicazione: addio rete cellulare

Leggi di più

La nuova vita digitale. Spariamo con un click

Leggi di più