fbpx

"La nostra missione è far
aumentare la
consapevolezza
della sicurezza"


 

Forniamo consulenza per la tua azienda con il fine di aumentare la sicurezza. Analizziamo insieme la tua struttura, sistemi di sicurezza attiva ed informatici e ti aiutiamo a redigere le security policies e ti aiutiamo alla formazione del personale. 

Per una consulenza .

Una comunità in crescita di persone
curiose riguardo il mondo
della sicurezza. Un gruppo dove la
sicurezza è di casa.

Iscriviti alla
Community della Sicurezza

Seguici sui Social Network più famosi


Ogni settimana un articolo sul mondo della sicurezza


Pagina istituzionale dell’azienda sul social
network professionale
di riferimento.
Ogni settimana un aggiornamento



Ogni settimana novità dal mondo della sicurezza
ed una
Community in continua crescita


La sicurezza attraverso le immagini


Scegli il social network che più ti piace e
comincia ad informarti sulla sicurezza! 

 

Videosorveglianza: questione di ottica

 

Sfatiamo un mito: la telecamera, per quanto sofisticata sia, non può competere con l’occhio umano! L’occhio umano riesce in pochi millisecondi a mettere a fuoco due oggetti, uno vicino e uno lontano, basta spostare lo sguardo ed il gioco è fatto. La telecamera no. Anzi, se lo spostamento è troppo veloce, la telecamera farà vedere l’immagine un po’ sfuocata per 1-2 secondi. Per capire questo concetto, dobbiamo sapere com’è strutturata l’ottica di una telecamera.

Come funziona una telecamera?

La telecamera è composta da un obiettivo con almeno 1 lente che proietta l’immagine su un CCD (Charge Coupled Device) che è un circuito elettronico con superficie fotosensibile, in grado di trasformare la luce ricevuta dall’obiettivo in impulsi elettrici. Questo processo “digitalizza” l’immagine. Nelle telecamere analogiche l’immagine viene poi inviata all’uscita video. Nelle telecamere IP, di ultima generazione, l’immagine viene “inviata” direttamente sulla rete informatica.

 

Tipologie di telecamera

Come già accennato, le telecamere sono di due tipi: analogiche o IP. Le telecamere analogiche ormai stanno scomparendo ma la maggior parte degli impianti di videosorveglianza esistenti impiegano ancora questa tecnologia perché costruiti qualche anno fa.

Le telecamere IP stanno prendendo sempre più piede essenzialmente perché dotate di indubbi vantaggi: 

  • L’innovazione tecnologica ha portato miglioramenti alle immagini (ora si arriva a 4 Megapixel)
  • È possibile avere anche l’audio, senza però dover stendere un cavo apposito
  • L’innovazione informatica ha reso i protocolli di comunicazione più semplici, quindi è più facile installarle, configurarle e soprattutto usarle. 
  • Il prezzo, grande problema visti i tempi di crisi, è decisamente sceso.
  • La facilità di installazione, in caso di telecamera wireless, è una caratteristica che può fare la differenza 
  • Sistemi intelligenti più integrati (per esempio il riconoscimento targhe o facciale)

Se consideriamo inoltre che la qualità dell’immagine è ormai superiore a quella analogica, con telecamere che arrivano anche alla risoluzione FullHD ad un buon prezzo, si capisce dove indirizzare l’investimento.

 

Ottica della telecamera

Le ottiche delle telecamere sono sostanzialmente di due tipi: ad ottica fissa ed ad ottica regolabile. Le ottiche fisse sono quelle che richiedono meno regolazioni e sono quelle che, avendo un rapporto focale fisso, possono indurci in errore nella visione dell’area. Le telecamera con ottica regolabile si distinguono in manuali o elettroniche. Le ottiche regolabili hanno indubbi vantaggi, proprio perché regolabili nella ripresa di un area. Per esempio, se dobbiamo riprendere un’area ampia come un cortile sicuramente regolando l’ottica sui 3,6mm abbiamo un grandangolo che ci coprirà ampiamente il cortile. Ma se dobbiamo riprendere il portone di ingresso di casa allora l’ottica regolabile da il meglio di sé! Se impostiamo la regolazione a 3,6mm vedremo ampiamente il portone di ingresso ed anche ciò che c’è intorno, ma non vedremo proprio in faccia chi entra o esce di casa. Per fare questo possiamo spostare la regolazione e metterla a 4-5mm, così da ridurre l’area di ripresa ma facendo sì che si vedrà in faccia chi esce di casa.

 

E qui comincia il dilemma: vedere un’area più ampia ma perdere i dettagli o vedere i dettagli e perdere la visione ampia? 

Mentre l’occhio umano riesce a cogliere entrambi perché, senza che ce ne accorgiamo, esegue velocemente una calibrazione del vetrino (che possiamo equiparare alla lente dell’ottica della telecamera), una telecamera non ha la stessa velocità o avendo ottica fissa non può “muoversi”.

Per avere un esempio pratico basta guardare attraverso un tubo non troppo lungo e non troppo stretto. Avremo una visione limitata. Ecco, così “vede” la telecamera. Un punto fisso o un campo fisso.

E’ fondamentale quindi scegliere bene la telecamera più adatta alle proprie esigenze. Prima di acquistare una telecamera è bene rivolgersi ad un esperto (non il cugino esperto o l’amico, ma un professionista) per avere maggiori chiarimenti su qualche ottica, o modello di telecamera, è più utile.

 

"La sicurezza comincia nella testa"

Iscriviti alla Newsletter per avere accesso diretto al mondo Sicurarmor e per ricevere in anteprima le novità della nostra azienda, oltre ad offerte a te riservate! Clicca qui ed iscriviti!

Iscriviti alla nostra Community su Facebook dove puoi chiedere maggiori informazioni su qualsiasi cosa e dove puoi confrontarti con altre persone

Oppure puoi seguirci sulla pagina Facebook

Se vuoi utilizzare altri social network la Sicurarmor è presente sui principali e qui trovi i link

Articoli recenti del Blog

Dove montare i contatti magnetici per l’antifurto in un portone blindato?

Leggi di più

La sicurezza delle connessioni

Leggi di più

Videosorveglianza remota in banca: quanto è efficace?

Leggi di più

Se fanno squadra funzionano meglio

Leggi di più